Il secondo principio della termodinamica , enunciato dal fisico francese Carnot, afferma che: non è possibile trasformare completamente il calore in lavoro, cioè l’energia termica in energia meccanica perchè parte del calore viene sempre disperso nell’ambiente e per questo risulta inutilizzabile.

A questa conclusione ci arrivarono prima i costruttori delle macchine a vapore, essi compresero che parte del calore veniva sempre disperso nell’ambiente, che si trovava ad una temperatura inferiore a quella del vapore, e proprio per questo motivo non poteva essere recuperato.

Quindi come l’acqua di un fiume che quando arriva all’altezza più bassa , non è in grado di compiere un lavoro, così quando il calore viene disperso nell’ambiente non è più riutilizzabile.

Partendo da questo principio, le forme di energia vengono suddivise in due tipi:

  • forme di energia nobili, cioè quelle che si possono riconvertire totalmente in altre forme come l’energia chimica;
  • forme di energia meno nobili, cioè quelle che non si possono riconvertire totalmente nelle altre forme, come il calore.

La tendenza delle forme di energia nobili a trasformarsi in calore si chiama entropia. Quindi l’entropia è la tendenza che ha l’energia a degradarsi.

Vedi programma di scienze delle medie