Il suolo

Il suolo è la parte più superficiale e sottile della crosta terrestre, esso quindi è lo strato superficiale che ricopre le rocce.

La scienza che studia la composizione, le proprietà, l’origine e la trasformazione del suolo è la pedologia.

Esso si estende in profondità dalla superficie della crosta terrestre fino ad uno strato di roccia, chiamato roccia madre; il suo spessore varia da pochi centimetri a una decina di metri, ciò dipende dai fattori che hanno contribuito alla sua formazione.

Il suolo è composto da tre parti: una parte solida, una liquida(l’acqua) e una gassosa.

La parte solida è formata da una parte organica e una inorganica. La prima rappresenta circa il 5% del suolo è costituito da animali in via di decomposizione (lattiera), radici morte ecc., ma anche da materiare organico in via di decomposizione (humus), che rende il terreno fertile. La parte inorganica, rappresenta circa il 45% del suolo ed è formata dal frammenti di roccia e minerali.

L’acqua e l’aria rappresentano circa il 50% del suolo ed occupano gli interstizi del suolo.

Se si osserva una buca scavata in un suolo naturale, si possono osservare vari strati sovrapposti, ognuno diverso dall’altro. L’insieme di questi strati, denominati orizzonti, costituisce il profilo di quel suolo.

Nel profilo si possono distinguere tre strati o orizzonti.

  • Lo strato organico, è lo strato più superficiale formato da foglie e resti di animali e vegetali ancora intatti. Sotto di esso c’è la lettiera in decomposizione  dove ci sono i microrganismi che decompongono il materiale organico in sostanze semplici, sotto poi c’è l’humus ricco di sostanze nutritive.
  • Lo strato minerale è formato da particelle inorganiche le cui dimensioni crescono all’aumentare della profondità.
  • La roccia sgretolata è costituita da frammenti di roccia di una certa dimensione, sotto di essa si trova la roccia madre.

Formazione del suolo

Nella formazione del suolo è possibile individuare tre stadi.

  • Corrosione della roccia madre, inizialmente la roccia madre viene frantumata dall’acqua, in cui sono disciolti i gas atmosferici, dagli agenti climatici .
  • Formazione dei primi strati di suolo, qui si formano le prime piante dette pioniere, licheni e muschi e i microrganismi che iniziano la degradazione del materiale organico unito ai detriti; quindi si forma il primo strato di materiale organico.
  • Formazione del suolo maturo, inizia così la colonizzazione del suolo da parte delle piante superiore, arrivano poi gli animali e si iniziano i vari livelli della catena alimentare. L’acqua si infiltra nel terreno portando con se le particelle di argilla, quindi si forma il materiale inorganico ricco di argilla.

Programma scienze delle medie

Questo elemento è stato inserito in Senza categoria. Aggiungilo ai segnalibri.