I liquidi e i gas insieme vengono chiamati fluidi. La spinta di Archimede viene esercitata su tutti i fluidi, quindi anche sull’aria, però in questo caso prende il nome di spinta aerostatica.

Il principio di Archimede in questo caso afferma che: un corpo immerso in un gas riceve una spinta verso l’alto pari al peso del volume del gas spostato.

Tale spinta ci permette di spiegare perchè alcuni palloncini volano mentre altri no.

I palloncini pieni di gas sono soggetti a due forze opposte e cioè la forza peso che è diretta verso il basso e alla spinta aerostatica che invece è diretta verso l’alto. Se il palloncino è riempito con un gas più leggero dell’aria, come l’elio, la sua forza peso è inferiore alla spinta, per cui galleggerà nell’aria fino ad una certa altezza, perchè più si va in alto e più l’aria diventa più rarefatta fino a raggiungere il punto in cui il peso dell’aria spostata è uguale al peso del palloncino.

Se il palloncino è pieno di un gas più pesante come quello presente nei nostri polmoni che è ricco di anidride carbonica, il suo peso sarà superiore alla spinta, quindi non galleggerà nell’aria.

Proprio sulla spinta aerostatica si basa il principio grazie al quale le mongolfiere volano. Tutto ciò perchè il pallone della mongolfiera è ricco di elio, idrogeno o aria caldo, cioè tutti gas con un peso inferiore all’aria. Quindi spostando grandi masse d’aria, ricevono grandi spinte verso l’alto.

Vedi programma di scienze delle media