L’indagine statistica comprende tutte quelle operazioni che permettono di raccogliere le informazioni di un fenomeno collettivo. Le varie fasi sono:

  • individuazione della caratteristica che si vuole conoscere;
  • costruzione dello strumento per la raccolta dati;
  • raccolta dati e trascrizione dati;
  • elaborazione dati;
  • rappresentazione dei dati per una corretta comunicazione dei risultati.

INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE

Le caratteristiche che si prendono in considerazione possono essere di tipo qualitativo, cioè quando sono espresse da un dato non numerico come gli sport praticati, oppure di tipo quantitativo quando è espressa da un numero come le ore dedicate ad uno sport.

COSTRUZIONE DELLO STRUMENTO PER LA RACCOLTA DATI

Lo strumento per la raccolta dati deve contenere le domande tali che le risposte forniscono i dati che vogliamo conoscere.

RACCOLTA DATI E TRASCRIZIONE DATI

Prima di raccogliere i dati occorre decidere se si vuole effettuare una raccolta globale o per campione. Si passa poi alle interviste o alla distribuzione dei questionari da compilare. Dopo aver rilevato i dati occorre tabularli cioè raccoglierli in tabelle per poterli contare ed analizzare.

ELABORAZIONE DATI

L’elaborazione dati di tipo qualitativo è più semplice in quanto i numeri che compaiono sono quelli che si ottengono contando le risposte e consiste nel calcolare i seguenti valori (indici): la frequenza assoluta, la frequenza relativa e la moda.

LA FREQUENZA ASSOLUTA di un dato statistico è il numero di volte in cui esso si è presentato  nell’indagine.

LA FREQUENZA RELATIVA di un dato statistico è il rapporto tra la sua frequenza assoluta e il totale dei casi esaminati.

LA MODA di un’indagine statistica è il dato (o i dati) che si presenta (o si presentano) con maggiore frequenza.

L’elaborazione dei dati quantitativi è un po’ più complessa. Oltre alla frequenza e alla moda si devono calcolare altri indici, ognuno dei quali permette di sintetizzare le informazioni raccolte: il campo di variazione, la mediana e la media aritmetica.

IL CAMPO DI VARIAZIONE è l’intervallo compreso tra il valore minimo e il massimo dei dati.

LA MEDIANA è il dato che occupa la posizione centrale in una successione di dati ordinati in modo crescente o decrescente.

Se però il numero di dati è pari, ci saranno due numeri che occupano la posizione centrale, in questo caso la mediana è la semisomma dei due valori centrali.

LA MEDIA ARITMETICA è il quoziente tra la somma di tutti i dati statistici e il numero delle unità statistiche.

RAPPRESENTAZIONE DEI DATI

I dati statistici possono essere resi visivamente più evidenti con la rappresentazione grafica: ortogramma, ideogramma, aerogramma e diagramma cartesiano.

Vedi gli esercizi