Archivio Tag: L’ORTOGRAFIA

Esercizi sulla h

Esercizi sulla h Esercizio n° 1 Completa le frasi con o-ho, ai-hai, a-ha, anno – hanno Tu ……. detto una bugia, ma prima ……….. poi la verità verrà ……… galla. Io ………. imparato che non conviene dire le bugie. Te l’….. detto più volte, ma ……. te i miei discorsi non interessano. Ti ricordi quando […]

Esercizi di ortografia

Ricorda: Dopo gn non si mette la i. Fanno eccezione: la parola compagnia; i verbi in -gnare alla 1° persona plurale del presente indicativo e alla 1° e 2° persona plurale del presente congiuntivo. Si usa NI invece di GN: in molti nomi propri di persona: Daniele, Dania; in alcune parole che conservano la scrittura […]

Esercizi di ortografia

Esercizi di ortografia Esercizio n° 1 Completa inserendo correttamente sc, sch, sci, scie. a….oltare              a….ensore                 a….ugamano              inco….nte                  ……edario fa….are                 […]

La divisione in sillabe

Le sillabe sono un gruppo di lettere pronunciate con una sola emissione di voce e che contengono almeno una vocale quindi sono l’unità minima di una parola. DIVISIONE IN SILLABE Nel dividere una parola in sillabe bisogna tener conto di alcune regole: ogni sillaba deve avere almeno una vocale; una vocale o un dittongo all’inizio […]

Il troncamento e l’apocope

Il troncamento è la caduta di una vocale o di una sillaba in fine parola, davanti a un’altra parola che inizia per vocale o per consonante. La parola troncata non vuole l’apostrofo. IL TRONCAMENTO SI USA: con l’articolo uno e con gli aggettivi nessuno, ciascuno, qualcuno, alcuno davanti a vocale o consonante: un asino, un […]

L’elisione e l’apostrofo

Si definisce elisione la caduta, segnalata con l’apostrofo (‘), dell’ultima vocale non accentata di una parola davanti a un’altra che inizia anch’essa con vocale. L’ELISIONE SI USA con gli articoli determinativi lo, la e con le relative preposizioni articolate: l’ombrello, l’edera, dell’America, all’arrivo, sull’aereo; con l’articolo indeterminativo una: un’altra, un’amica; con alcune locuzioni molto diffuse: […]

L’accento

Nel leggere o pronunciare una parola, la nostra voce si poserà su di una sua sillaba  un po’ più a lungo. Su tale sillaba cade l’accento. L’accento può essere di due tipi: l’accento fonico che è proprio di ogni parola, che solitamente non viene segnato (ma è sempre indicato nel dizionario); l’accento grafico è quell’accento […]

L’uso di mb, mp e np

Davanti alla consonante b e p non si usa mai la n, ma sempre la m. Si scrive : bambino, imbuto, comprare, rimpianto, rombo, bompa, pompa ecc. Soltanto le parole composte con il prefisso ben(e) mantengono la n prima della p come: benparlante, benpensante ecc. Programma grammatica elementari Programma di grammatica prima media Esercizio n° […]

L’uso di c o q

La lettera q è sempre seguita dalla vocale u e da un’altra vocale. Si scrivono con qu le parole come: liquore, colloquio equilibrio, quaderno, equazione, quoziente, quadro, antiquato, squattrinato, quattro, quindici, frequentare, squillare ecc.; Si scrivono con cu le parole riportate in tabella e i loro derivati. Sostantivi Aggettivi Verbi circuito cospicuo acuire cuoco innocuo […]

Con o senza h

La h si usa: per dare suono duro alle lettere c e g in parole come: chiaro, chiesa, chioma, ghianda, luoghi; in alcune forme del verbo avere, come : io ho, tu hai, egli ha, essi hanno; in alcune esclamazioni, come: oh, ah, ahi, beh ecc. La consonante h non ha suono, ma la sua […]