Archivio Categoria: GRAMMATICA PRIMA MEDIA

Gli omonimi

Gli omonimi sono quelle parole di forma identica ma di origine e significato differente. Per esempio la parola riso può indicare una  manifestazione di buon umore e deriva dal latino risum, parola che indicava anche in quella lingua l’atto del ridere oppure il riso cereale che deriva dal greco oryza, parola che designava la pianta del riso. […]

I campi semantici

Se pronunciamo una parola come ad esempio mare e chiediamo a qualcuno di dirci tutto quello che gli viene in mente, ci accorgiamo che i vocaboli possono organizzarsi anche in gruppi, in cui ciascuna parola ha in comune parti di significato con le altre parole. Per esempio pensando alla parola mare può venire in mente […]

Sinonimi e contrari

I sinonimi sono vocaboli che, pur essendo differenti, hanno significato uguale o affine. Per esempio Luca ha paura del buio. Bisogna considerare quei termini che possono sostituire il termine paura e sono per esempio terrore e timore. Quindi possiamo anche scrivere: Luca ha terrore del buio; in questo modo la frase non ha cambiato il […]

Indicativo Passato Remoto

INDICATIVO PASSATO REMOTO Il tempo passato remoto è un tempo semplice ed indica una situazione che è accaduta in un periodo molto lontano e che si è conclusa nel passato, quindi non fa sentire i suoi effetti nel presente. 1° coniugazione 2° coniugazione 3° coniugazione io parlai io credetti io dormii tu parlasti tu credesti tu […]

Indicativo Futuro Anteriore

FUTURO ANTERIORE Il tempo futuro anteriore è un tempo composto, formato dal futuro semplice di un verbo ausiliare più il participio passato del verbo che indica l’azione, esprime una situazione futura che avverrà prima di un altro fatto, anch’esso ancora non avvenuto. Il futuro anteriore esprime: un’azione che si verifica nel futuro prima di un’altra: […]

Indicativo Trapassato Remoto

TRAPASSATO REMOTO Il trapassato remoto è un tempo composto, formato dal passato remoto di un verbo ausiliare più il participio passato del verbo che indica l’azione. Esprime una situazione che è avvenuta e si è conclusa in un periodo molto lontano, prima di un altro fatto passato. con l’ausiliare avere con l’ausiliare essere io ebbi cantato […]

Programma grammatica prima media

Programma di grammatica prima media LA FONOLOGIA L’ALFABETO ITALIANO LE VOCALI LE CONSONANTI DITTONGO TRITTONGO E IATO DIGRAMMI E TRIGRAMMI L’ORTOGRAFIA (per scrivere correttamente) I PROBLEMI DELLA LETTERA I CON O SENZA H L’USO DI CU E QU L’USO DI MB, MP, E NP REGOLE DEL RADDOPPIAMENTO L’ACCENTO L’ELISIONE E L’APOSTROFO IL TRONCAMENTO E L’APOCOPE LE […]

L’interiezione o esclamazione

L’interezione (o esclamazione) è una parola invariabile che esprime un sentimento improvviso, spontaneo di stupore, meraviglia, paura, ammirazione. L’interazione è spe+sso accompagnata dal punto esclamativo e di solito è posta all’inizio dell’espressione. Ahimè, ho perso le chiavi! Ehi! Non spinga! In base alla forma le interazioni si distinguono in: proprie, quando sono costituite da parole […]

Congiunzioni subordinanti

Le congiunzioni subordinanti collegano due o più proposizioni, stabilendo tra loro un preciso rapporto gerarchico (d’importanza): una proposizione è reggente, l’altra è secondaria e subordinata. Le congiunzioni subordinanti sono di vario tipo. Dichiarative, quando completano il significato della proposizione reggente (che, come ecc.). Mi avevano detto che eravate usciti. Finali, quando indicano il fine, lo […]

Le congiunzioni coordinanti

Le congiunzioni coordinanti uniscono due elementi di una medesima proposizione, oppure due proposizioni indipendenti l’una dall’altra. Carlo e Maria sono amici. I ragazzi mangiavano e guardavano la televisione. Le congiunzioni coordinanti sono di vari tipi. conclusive, quando introducono la conclusione di quanto detto prima (quindi, dunque, pertanto, perciò, cosicchè, insomma, per questo, in conclusione); Hai studiato […]