Il complemento di denominazione

 

Il complemento di denominazione determina con un nome specifico, per lo più un nome proprio, il termine generico che lo precede e risponde alla domanda di quale nome?

Ho trascorso le vacanze nell’isola d’Ischia.

Il complemento di denominazione è introdotto dalla preposizione di, semplice o articolata e determina per lo più:

  • un nome geografico ( come città, isola, penisola, regno, repubblica ecc.)

Nella città di Viareggio si svolge il Carnevale.

L’isola di Cipro è molto suggestiva.

  • un nome generico (nome, cognome, soprannome, pseudonimo, titolo ecc.)

Da oggi sarai più noto con il nome di Superman.

A Mario piacerebbe il soprannome di Pantera.

  • il nome di mesi, festività ecc.

 

Nel mese di febbraio inizierà il campionato scolastico.

La festa dell’Immacolata è l’otto dicembre.

Per essere certi che il complemento introdotto dalla preposizione di sia di denominazione, si deve poter sostituire a tale preposizione un’espressione come: chiamato, detto, nominato ecc.

La città di Bari → La città chiamata Bari → complemento di denominazione

ATTENZIONE

Il complemento di denominazione potrebbe essere confuso con il complemento predicativo del soggetto e dell’oggetto. Ad esempio, nella frase Enrico è stato soprannominato Giaguaro abbiamo un complemento predicativo del soggetto perchè Giaguaro completa il significato del verbo appellativo soprannominare.

Nella frase Enrico ha il soprannome di Giaguaro, il complemento di denominazione è introdotto dal sostantivo soprannome.

Vedi gli esercizi

 

Programma di grammatica seconda media