Equinozi e solstizi

 

Vediamo l’alternarsi delle quattro stagioni nei due emisferi della Terra, boreale e australe e quindi gli equinozi e i solstizi.

Nell’emisfero Boreale

L’equinozio di primavera (il 21 marzo) segna l’inizio della primavera. Viene detto “equinozio” perchè la durata del dì e della notte sono uguali.

Il solstizio d’estate (il 21 giugno) segna l’inizio dell’estate. In quel momento la durata del dì è massima; dopo di che, le ore di luce diminuiscono.

L‘equinozio di autunno (il 23 settembre) segna l’inizio dell’autunno. Anche in questo caso la durata del dì e della notte sono uguali.

Il solstizio d’inverno (il 22 dicembre) segna l’inizio dell’inverno. In quel momento la durata del dì è minima; dopo di che, le ore di luce aumentano, sino ad arrivare all’equinozio di primavera.

Nell’emisfero australe

In questo emisfero le stagioni sono invertite: l’equinozio di primavera segna l’inizio dell’autunno; il solstizio d’estate dà inizio all’inverno; l’equinozio di autunno segna l’inizio della primavera; il solstizio d’inverno l’inizio dell’estate.

Ecco perchè a dicembre, mentre in Italia si va a sciare, in Australia fa caldo e si va a mare.

 

Programma geografia prima media

Se vuoi ascolta l’articolo