I mari e le coste d’Europa

 

L’Europa ha la forma di una penisola molto articolata, circondata su tre lati (nord, ovest e sud) dall’Oceano e dai mari adiacenti. Rispetto agli altri continenti ha un maggiore sviluppo costiero in rapporto alla superficie.

L’oceano Atlantico

L’oceano Atlantico con il suo imponente moto ondoso e le forti maree, ha contribuito a modellare le coste europee. Esso si divide in golfi, mari e canali. Tra Francia e Spagna forma il golfo di Guascogna e separa Gran Bretagna e Francia con il canale della Manica.

I mari che bagnano l’Europa del nord

A nord l’Europa è bagnata dal Mar Glaciale Artico, suddiviso dall’arcipelago russo in due sezioni: Mar di Barents a ovest e Mar di Kara a est. Il Mar di Barents, in gran parte è coperto di ghiaccio per tutto l’anno.

La porzione dell’Atlantico a ovest della penisola scandinava prende il nome di Mar di Norvegia, questo mare non gela mai, grazie alla maggiore profondità e all’influsso della Corrente del Golfo.

Tra il Bassopiano Sarmatico e la Penisola Scandinava è situato il Mar Baltico. Questo mare è poco salato e poco profondo, è gelato per molti mesi dell’anno.

Tra la Scandinavia, lo Jutland, il Bassopiano Germanico e le isole britanniche si estende il Mare del Nord, burrascoso e poco profondo.

La Gran Bretagna, a ovest è bagnata dal Mare d’Irlanda, mentre a sud è separata dal continente attraverso il canale della Manica.

 
 

I mari che bagnano l’Europa dell’ovest

A ovest l’Europa è bagnata dall’Atlantico nord-orientale. Questa porzione dell’Atlantico è costituita da bacini oceanici profondi. Grazie all’influsso della corrente del Golfo, la temperatura dell’acqua è piuttosto alta.

I mari che bagnano l’Europa del sud

A sud l’Europa è bagnata dal Mediterraneo, bacino semichiuso dell’Oceano Atlantico con il quale comunica attraverso lo Stretto di Gibilterra.

Rispetto all’Atlantico, il Mediterraneo è meno profondo e ha una temperatura superficiale maggiore, è suddiviso in diversi bacini minori.

Nel settore orientale del Mediterraneo tra la Grecia, l’isola di Creta e la Penisola Anatolica è racchiuso il Mar Egeo, costellato da numerose isole.

Il Mar Egeo comunica con il piccolo Mar di Marmara attraverso lo stretto dei Dardanelli e, successivamente, con il Mar Nero attraverso lo stretto del Bosforo.

Le coste e le isole europee

L’europa ha una grande varietà di coste che hanno origine, struttura e aspetto diversi.

Dove il territorio è pianeggiante le coste sono basse: nel nord della Francia, in Polonia, nella parte italiana del mar Adriatico, nella Spagna mediterranea, sono prevalentemente rettilinee e sabbiose; altrove sono basse e sabbiose.

Dove invece i rilievi scendono lungo la costa, esse sono alte e rocciose. Molto simili tra loro sono le rias sulla costa atlantica della Spagna e i fiordi norvegesi e scozzesi.

Le isole rappresentano l’8% del territorio europeo e spesso sono raccolte in arcipelaghi. Ci sono gli arcipelaghi delle Isole Britanniche, quello norvegese delle Svalbard, quello russo di Novaja Zemlja e quello delle Frisone di fronte alla coste olandese e tedesca.

All’estremo nord, molto distante dal continente europeo, si trova l’Islanda, mentre in area mediterranea, oltre alle isole maggiori (Corsica, Sardegna, Sicilia, Cipro e Creta), vi sono l’arcipelago delle Baleari, quello di Malta, le isole della Dalmazia, le isole Ionie e, nel mar Egeo, le Cicladi.

Vedi programma di geografia prima media

Programma di geografia seconda media

Se vuoi ascolta l’articolo