Il Friuli-Venezia Giulia

 

Il territorio e il clima

Il Friuli-Venezia Giulia è caratterizzato da paesaggi differenti.

  • A nord  si innalzano le Alpi Orientali.
  • Poco più a sud si estendevano i rilievi prealpini, meno alti ma rocciosi e privi di vegetazione.
  • Ancora più a sud, una fascia collinare di origine glaciale si allunga verso la Pianura Padano-Veneta, percorsa dai fiumi Tagliamento, Isonzo e Livenza.
  • A ridosso del Golfo di Trieste si eleva l’altopiano del Carso, formato da rocce che vengono erose facilmente dall’acqua e percorso dal Timavo, un fiume che scorre sottoterra per circa 40 chilometri.

La barriera montuosa delle Alpi e la presenza del mare determinano un clima adriatico quindi più mite in pianura e lungo la costa; sui rilievi il clima invece è alpino. D’inverno, soprattutto nella zona di Trieste soffia la bora, un vento freddo proveniente da nord-est, le cui raffiche possono raggiungere i 150 km all’ora.

Come si vive

La regione è formata da due parti con caratteristiche diverse: il Friuli, con le province di Udine e Pordenone, e la Venezia Giulia, compresa tra il fiume Isonzo e il confine con la Slovenia, con le province di Trieste e Gorizia. Per la presenza di alcune minoranze linguistiche, costituite da tedeschi, sloveni e ladini, questa è una regione a statuto speciale.

La fascia montuosa è occupata soprattutto da boschi e pascoli, mentre l’agricoltura è sviluppata nella bassa pianura. I prodotti più importanti sono: mais e altri cereali, alberi da frutta, uve da vino e coltivazioni a scopo industriale (barbabietole da zucchero e tabacco). E’ diffuso l’allevamento di bovini e soprattutto suini, con cui si producono rinomati prosciutti.

La regione è costellata da medie e piccole imprese che operano nei settori metallurgico, meccanico, alimentare, del legno, del mobile e della coltelleria.

Centri turistici molto frequentati sono Lignano Sabiadoro e Grado, soprattutto d’estate, e città d’interesse storico, come Aquileia.

   
 

Le province del Friuli-Venezia Giulia

Trieste sorge al confine con la Slovenia e si affaccia sul Mar Adriatico. Divenne città commerciale e portuale nel Settecento in quanto sbocco marino per l’impero austro-ungarico. Oggi il suo porto è il secondo in Italia dopo quello di Genova. E’ sede di università e vi si possono ammirare palazzi ottocenteschi e la Piazza Unità d’Italia, la più grande piazza italiana affacciata sul mare.

Gorizia sorge sull’Isonzo, al confine sloveno. Circondata da dolci colline, è famosa per la coltivazione della vite e la produzione di ottimi vini.

Udine, in passato importante mercato agricolo, oggi ha raggiunto un buon sviluppo industriale nei settori alimentare (birra, grappa), meccanico e tessile.

Pordenone è capoluogo di provincia dal 1968 ed è sede di una delle maggiori concentrazioni industriali del settore degli elettrodomestici.

Regione a statuto speciale

Confini: a ovest Veneto, a nord Austria, a est Slovenia, a sud Veneto e Mar Adriatico

Superficie: 7 858 km²

Popolazione: 1 212 602 abitanti

Densità: 154 abitanti per km²

Capoluogo: Trieste

Province: Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine

 

Programma geografia quinta elementare

Se vuoi ascolta l’articolo 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi