Lo Stato italiano

 

Lo Stato italiano è nato nel 1861. In precedenza, dalla fine dell’Impero romano, l’Italia non ha mai formato un unico Stato ed è stata suddivisa in tanti piccoli Stati, governati spesso da potenze straniere.

Per 85 anni l’Italia fu una monarchia. Nel 1946, dopo un referendum in cui votarono per la prima volta anche le donne, gli Italiani decisero che l’Italia doveva diventare una repubblica democratica. Essi scelsero anche i loro rappresentanti che dovevano scrivere le nuove regole per questa nuova forma di governo. Nacque così la Costituzione che stabilisce i diritti e i doveri che ogni individuo che vive nel nostro paese deve rispettare.

I confini dell’Italia, rispetto al momento della sua nascita, si sono poi modificati; quelli attuali sono stati ben definiti dopo le due guerre mondiali del 1900.

Lo Stato italiano, come ogni altro, si caratterizza per la presenza di tre elementi definiti: il territorio, la popolazione e l’ordinamento.

  • Il territorio nazionale si estende per 301 333 kmq.
  • La popolazione italiana è di circa 57 milioni di persone.
  • L’Italia ha un ordinamento, ossia degli organismi e delle leggi che la governano.

Programma geografia quinta elementare

Se vuoi ascolta il file

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi