L’organizzazione della società sumera

 

Le città sumere non si unirono mai a formare un unico stato, per questo sono dette città-stato.

Ciascuna città stato era governata da un re, che dettava leggi, comandava l’esercito ed era considerato il rappresentante degli dei sulla terra. Vi erano poi i sacerdoti, che si occupavano della religione; i nobili che amministravano i terreni per conto del re; i funzionari e gli scribi addetti al controllo e alla scrittura dei documenti; i militari che dovevano difendere il territorio.

Inoltre, vi erano i commercianti e gli artigiani, poi i contadini e i servi. All’ultimo posto c’erano gli schiavi, che erano uomini e donne prigionieri di guerra o persone che non potevano pagare i debiti.

 

Programma storia quarta elementare

Se vuoi ascolta l’articolo