Bilancio energetico

 

Metabolismo e bilancio energetico

Il nostro corpo, come una macchina, per funzionare ha bisogno di carburante cioè il cibo che assumiamo durante il giorno.

I pasti principali sono tre: la colazione, importante non saltarla altrimenti cominciamo con poca energia la giornata, il pranzo e la cena. Sono importanti anche, soprattutto per i più giovani, due merende leggere a metà mattinata e a metà pomeriggio.

Per poter capire quanto possiamo mangiare dobbiamo stare attenti al nostro metabolismo e quindi a tutte le attività che svolgiamo durante il giorno.

Il metabolismo è l’insieme di tutte le reazioni chimiche ed energetiche che avvengono in un organismo.

Il metabolismo comprende:

  • il metabolismo basale, è la quantità minima di energia spesa dall’organismo per svolgere le funzioni vitali in situazione di completo riposo (battito cardiaco, respirazione, attività del cervello ecc.), a digiuno da 12 ore e con una temperatura ambientale di venti gradi, ovviamente varia in funzione del sesso, età,peso, altezza, al clima, allo stato di nutrizione ecc.;
  • il metabolismo funzionale, è la quantità di energia spesa per la vita attiva di un individuo e comprende l’attività muscolare, la digestione.

 
 

La quantità di energia che consumiamo ogni giorno dipende da questi due metabolismi; quindi ognuno di noi ha un diverso fabbisogno energetico giornaliero che indica la quantità di calorie che un individuo sano deve assumere, attraverso una dieta equilibrata e varia, per svolgere tutte le funzioni vitali e per l’attività muscolare.

Ovviamente varia in base all’età, sesso, attività svolta, condizioni fisiche ecc.

Come già detto la dieta deve essere equilibrata, quindi dovrebbe essere composta dal 60% di carboidrati delle calorie, 25% di lipidi e il restante 15% proteine.

Quando introduciamo il cibo, assimiliamo un certo numero di calorie (1000 cal equivalgono a 1 kcal), ma il nostro organismo deve avere un bilancio energetico in pareggio, nel senso che la quantità di energia che entra deve essere uguale a quella che che consumiamo.

Quindi se mangiamo troppo, ingrassiamo perchè la quantità di cibo di troppo che abbiamo assunto si trasforma in scorte di grasso. Se,al contrario, mangiamo di meno e quindi assumiamo meno energia di quella che abbiamo bisogno, dimagriamo e in questo caso il nostro organismo brucia prima le riserve presenti nel fegato e poi quelle del grasso. Ma se le entrate continuano ad essere inferiori alle uscite per un lungo tempo, vengono intaccate anche le riserve dei muscoli, cioè la massa magra.

 

Vedi programma di scienze delle medie