*** In questi giorni potrebbe capitare che riscontriate qualche disservizio, stiamo aggiornando il sito. Ma torneremo più forti di prima ***

Il grado superlativo

 

Il grado superlativo dell’aggettivo serve per indicare una qualità al suo massimo grado d’intensità.

grado superlativo
il grado superlativo

Secondo il significato espresso, si riconoscono due forme di superlativo:

  • il superlativo assoluto esprime il massimo grado di una qualità senza riferimenti o paragoni.

Esso si forma quasi sempre aggiungendo alla radice dell’aggettivo di grado positivo il suffisso issimo (issima,-i -e). Bravissimo, carissima, lontanissimi, elegantissimo ecc.

Il Nilo è un fiume lunghissimo.

Si può formare anteponendo all’aggettivo avverbi come molto, assai, affatto,infinitamente, straordinariamente, decisamente ecc.

Tu sei molto gentile.

Era un compito assai difficile.

Non sei affatto simpatico.

 

Si può formare anteponendo all’aggettivo i prefissi ultra-, stra-, arci-, super-, extra-, per- ecc.

Sono davvero arcistufo.

La sala era strapiena di gente.

Si può formare ripetendo l’aggettivo qualificativo come veloce veloce, lento lento ecc.

Il corridore procedeva lento lento sul ripido sentiero.

Si può formare aggiungendo un altro aggettivo positivo di significato simile, per rafforzare il primo come nuovo fiammante, stanco morto, pieno prezzo ecc.

Sono davvero stanco morto.

Si può formare aggiungendo davanti all’aggettivo di grado positivo l’aggettivo tutto concordato opportunamente.

Sono tutto bagnato.

Mi si avvicinò tutta tremante.

Attenzione a non confondere il comparativo di maggioranza o di minoranza con il superlativo relativo. Esiste un metodo per distinguerli e cioè bisogna ricordare che i primi non sono preceduti dall’articolo, mentre il superlativo assoluto lo è sempre.

  • Il superlativo relativo esprime il massimo grado di una qualità in riferimento a un gruppo di cose o persone. Esso si forma mettendo davanti all’aggettivo di grado positivo le forme il più (meno), la più (meno), i più (meno), le più (meno) e davanti all’elemento che fa da riferimento le preposizioni di, del, della, delle, dei, degli, tra, fra, in mezzo a.

Il Nilo è il più lungo dei fiumi africani.

Il giaguaro è il più veloce di tutti gli animali, la lumaca è la meno veloce.

Tra tutti i miei compagni di classe, tu sei il più antipatico.

Oggi ho ricevuto la più triste notizia della mia vita.

 

Programma di grammatica prima media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi