La caduta dell’impero bizantino

 

La decadenza dell’impero bizantino iniziò già nel secolo XI quando i Turchi sconfissero l’esercito bizantino. Un altro colpo l’impero lo subì con la quarta crociata quando i cavalieri cristiani saccheggiarono la capitale bizantina e fondarono l’impero latino d’oriente che però durò pochi decenni.

Approfittando del periodo di crisi dell’impero i Serbi gli tolsero la Macedonia. l’Albania e buona parte della Grecia, volevano anche assalire Costantinopoli ma furono fermati dai Turchi ottomani.

I Turchi ottomani, erano chiamati così dal nome del primo sultano Ottoman I, erano un popolo di fede musulmana originari dell’Asia centrale. Essi furono costretti a migrare a casa dell’avanzata dei Mongoli. In poco tempo riuscirono a creare un regno diviso in province, il cui potere era concentrato nelle mani del sultano.

L’obiettivo dei Turchi era quello di conquistare nuovi territori e convertirli alla fede musulmana. I loro domini crebbero velocemente soprattutto a spese dell’impero romano d’Oriente

Gli Ottomani alla metà del Quattrocento era al culmine del suo potere, infatti nel 1453 assediarono Costantinopoli che cadde nelle loro mani. Dopo mille anni , con la caduta di Costantinopoli  ebbe fine l’antico impero romano d’Oriente. Costantinopoli fu chiamata Istanbul e divenne la capitale dell’impero ottomano.

 

Programma di storia prima media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi