*** In questi giorni potrebbe capitare che riscontriate qualche disservizio, stiamo aggiornando il sito. Ma torneremo più forti di prima ***

La fiaba

 

Le fiabe sono narrazioni di origine popolare frutto della fantasia che si sono tramandate oralmente. Hanno origini molto antiche e narrano vicende che prendono spunto da paure, credenze popolari  ecc.

Le prime fiabe scritte si sono trovate in India  e risalgono al I- II secolo d.C. In occidente la prima fiaba che è giunta fino a noi fu Amore e Psiche di Lucio Apuelio, scrittore latino del II secolo d.C.

Le fiabe ancora oggi costituiscono un immenso patrimonio di storie affascinanti, da ascoltare e da leggere a tutte le età, infatti, essa non è nata come genere destinato ad un pubblico infantile.

Esse narrano vicende in spazi e tempi indeterminati, offrono un’occasione di divertimento per tutti; compaiono essere soprannaturali dotati di poteri magici, animali parlanti e personaggi umani. I personaggi sono indicati in modo generico.

Si usa un linguaggio semplice legato al racconto orale; sono frequenti le ripetizioni, formule di apertura e chiusura ed anche filastrocche; sono anche molto usati i dialoghi.

Le fiabe raccontano soprattutto le storie della povera gente e si conclude sempre con un lieto fine, i buoni premiati e i cattivi puniti.

La fiaba si apre con una situazione iniziale in cui viene presentato brevemente il protagonista, cioè l’eroe. Emerge poi una complicazione, cioè un problema da risolvere. Poi c’è lo svolgimento cioè la parte avventurosa, diversa in ogni fiaba in cui l’eroe supera le prove con difficoltà. Si giunge poi al finale, solitamente lieto.

Le fiabe sono tante, con trame diverse. Lo studioso Vladimir Propp, mettendo a confronto i personaggi di moltissime fiabe, ha potuto constatare che la storia verte intorno a sette ruoli principali:

  1. L’eroe: è colui che deve risolvere la situazione che si è complicata e riportare l’equilibrio. Spesso ha delle doti o poteri particolari.
  2. Il cattivo o l’antagonista: cerca in tutti i modi di ostacolare l’eroe, spesso assume anche false sembianze.
  3. Il donatore: in genere l’eroe lo incontra per caso, ed è colui che gli da’ l’oggetto magico o fornisce le informazioni per risolvere tutti i problemi.
  4. L’aiutante o oggetto magico: grazie ai loro poteri aiutano l’eroe nella risoluzione dei problemi.
  5. La principessa e il re: generalmente la principessa all’inizio della fiaba o è stata rapita o fatta prigioniera da un personaggio crudele e l’eroe la deve salvare per far ritornare l’ordine nel regno. Il re stabilisce delle regole e prove da superare per dare in sposa la figlia ll’eroe.
  6. Il falso eroe: è colui che cerca di prendere il posto del vero eroe con l’inganno.
  7. Il mandante: è colui che cerca di indurre  l’eroe ad iniziare la sua ricerca . Può essere un personaggio positivo o negativo.

   
 

Inoltre Propp ha individuato 31 funzioni dei personaggi che possono essere applicate a qualsiasi tipo di racconto:

  1. allontanamento (uno dei membri della famiglia si allontanò da casa)
  2.  divieto (all’eroe è imposto un divieto , oppure un obbligo)
  3.  infrazione (il divieto viene infranto )
  4.  investigazione ( l’ antagonista tenta una ricognizione )
  5. delazione (l’ antagonista riceve informazioni sulla vittima )
  6. tranello ( l’ antagonista cerca di ingannare la vittima )
  7. connivenza (la vittima cade nell’ inganno , favorendo  il nemico )
  8. danneggiamento (l’antagonista arreca danno ad uno dei membri della famiglia)
  9. mancanza (a uno della famiglia manca qualcosa o desidera qualcosa)
  10. mediazione ( la mancanza o la sciagura è resa nota; ci si rivolge all’eroe)
  11. partenza (l’eroe lascia la casa)
  12. prima funzione del donatore (l’eroe è messo alla prova per ottenere un mezzo magico)
  13. reazione dell’eroe (l’eroe reagisce all’operato del futuro donatore)
  14. conseguimento del mezzo magico (l’eroe entra in possesso del mezzo magico)
  15. trasferimento (l’eroe giunge sul luogo in cui si trova l’oggetto della sua ricerca)
  16. lotta (l’eroe e l’antagonista lottano direttamente)
  17. marchiatura (all’eroe è impresso un marchio, un segno, una ferita)
  18. vittoria (l’antagonista è vinto)
  19. rimozione (viene rimossa la sciagura o la mancanza iniziale)
  20. ritorno (l’eroe ritorna)
  21. persecuzione (l’eroe è sottoposto a persecuzione)
  22. salvataggio ( l’eroe si salva)
  23. arrivo in incognito (l’eroe arriva a casa o in un altro posto)
  24. pretese infondate (un falso eroe sostiene di avere compiuto le imprese)
  25. compito difficile (all’eroe viene proposto un compito difficile)
  26. adempimento (il compito viene eseguito)
  27. riconoscimento (l’eroe viene riconosciuto)
  28. smascheramento (l’antagonista viene smascherato)
  29. trasfigurazione (l’eroe assume nuove sembianze)
  30. punizione (l’antagonista viene punito)
  31. nozze (l’eroe si sposa e sale al trono)

La favola

Differenze tra favola e fiaba

 

Vedi il programma d’italiano delle medie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi