*** In questi giorni potrebbe capitare che riscontriate qualche disservizio, stiamo aggiornando il sito. Ma torneremo più forti di prima ***

Le formule chimiche

 

Ogni composto è caratterizzato da una formula chimica che mette in evidenza il rapporto di combinazione dei vari elementi in un composto.

I simboli ci indicano quale elemento della tavola periodica si combina , invece il pedice, cioè il nuemeretto scritto in basso a destra , indica quanti atomi di quell’elemento sono contenuti nel composto.

Possiamo dare una definizione delle formule chimiche che sono notazioni di simboli chimici ed indici.

Per esempio: N_{{2}}  è la molecola biatomica dell’azoto, C_{{6}}H_{{12}}O_{{6}} è il glucosio.

In alcune formule possono comparire gruppi di simboli tra parentesi , con anche un indice numerico; ciò vuole dire quanti gruppi di quel gruppo di atomi dovranno essere presi, per esempio CO(NH_{{2}})_{{2}}, questo composto è l’urea che quindi sarà formata da due gruppi NH_{{2}}, quindi sarà formata da 1 atomo di carbonio, 1 di ossigeno , 2 di azoto e 4 di idrogeno.

 

Bisogna però nelle formule chimiche distinguere la formula minima e la formula molecolare.

La formula minima (o empirica) indica quanti elementi costituiscono il composto e in quale rapporto minimo i loro atomi o ioni sono combinati.

Per esempio NaCl è il cloruro di sodio, il normale sale da cucina; il rapporto minimo tra gli ioni è 1:1 perchè per ogni ione di sodio ci deve essere uno ione di cloro.

Nelle formule chimiche dei composti ionici, l’elemento caratterizzato da carica positiva è sempre scritto a destra.

Per determinare la formula di un composto si procede con analisi di tipo qualitativa, cioè la natura degli elementi che formano il composto o quantitativa che indica il numero degli atomi che si combinano.

Uno strumento che ci permette questa valutazione è lo spettrometro di massa.

La formula molecolare indica quanti atomi di ciascun elemento sono presenti nelle molecole di un composto.

La formula minima e la formula molecolare spesso coincidono , però a volte ciò non avviene. In quel caso capita che la formula molecolare è un multiplo intero della formula minima.

Per esempio la formula molecolare del glucosio è C_{{6}}H_{{12}}O_{{6}}, invece la formula minima è CH_{{2}}O.

In definitiva possiamo dire che la formula molecolare fornisce informazioni più precise rispetto alla formula minima.

Vedi gli esercizi

Vedi programma di chimica 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi