Leonardo Sciascia

 

Leonardo Sciascia nacque a Recalmuto in provincia di Agrigento nel 1921 e morì nel 1989 a Palermo.

Proveniva da una famiglia modesta della piccola borghesia siciliana. Dopo aver conseguito gli studi magistrali insegnò per alcuni anni.

All’inizio della sua carriera collaborò con alcune riviste e allo stesso tempo fece pubblicare i suoi primi lavori.

Fu per poco tempo consigliere del comune di Palermo e fu une dei primi a mettere in relazione potere politico e mafia e a mettere in evidenza i problemi che scaturivano per la democrazia. Negli ultimi anni della sua vita partecipò sempre di meno alla vita politica.

Sciascia fu narratore, poeta drammaturgo, sceneggiatore, redattore e collaboratore di molte giornali e quotidiani come il Corriere della sera, La Stampe e la Repubblica.

Nelle sue opere lo scrittore mette sempre in risalto il mondo siciliano e la denuncia civile verso un potere arrogante; mette in risalto i problemi della sua terra e dà spazio anche al fenomeno della mafia e alla sua infiltrazione nella politica. In tutte le sue opere non manca la partecipazione motiva e una precisa ambientazione storica.

Una delle sue prime opere fu Le parrocchie di Regalpetra, seguita poi da Il giorno della civetta, A ciascuno il suo, Il consiglio d’Egitto, Il contesto, Toto modo, La scomparsa di Majorana, L’affaire Moro, saggio dell’uccisione del presidente della Democrazia cristiana. L’ultimo romanzo è stato Una storia semplice, che è stato pubblicato dopo la sua morte.

 

Vedi programma italiano medie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi