*** In questi giorni potrebbe capitare che riscontriate qualche disservizio, stiamo aggiornando il sito. Ma torneremo più forti di prima ***

I connettivi logici “non”, “e”

La negazione “non

Connettere significa creare legami, mettere in relazione. Nel linguaggio della matematica le parole “non“, “e“, “o” sono chiamate connettivi logici.

Quando operiamo con gli insiemi usiamo i connettivi per negare una proprietà, congiungere due proprietà o presentare una scelta.

Quando inseriamo “non” in un enunciato cambia il suo valore di verità:

  • la negazione “non” rende falso un enunciato vero.
  • la negazione “non” rende vero un enunciato falso.

Non si nega una proposizione cambiando il predicati di un altro. Per esempio diciamo: “La maglietta è nera ” e neghiamo dicendo: “La maglietta non è nera”, è sbagliato dire : “La maglietta è bianca.”∧

La doppia negazione

In logica, quando all’interno di un enunciato ci sono due negazioni, esse si annullano.

Per esempio:

Non è vero che non vieni a scuola!→ E’ vero che vieni a scuola!

 

Il connettivo logico “e

Il connettivo “e” si usa per unire più enunciati.

Più enunciati uniti dal connettivo “e” formano un enunciato composto.

Per esempio:

Il numero 6 è un numero pari e multiplo di 3.

Se i due enunciati sono veri, l’enunciato composto è vero.

Se un enunciato è vero e uno è falso l’enunciato composto è falso

Per indicare la congiunzione si usa il simbolo ∧

Vedi il connettivo logico o

Vedi gli enunciati

 

Programma matematica quinta elementare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi