I mari

L ‘Italia si trova nel Mar Mediterraneo, che la circonda quasi completamente. In prossimità dei diversi tratti di costa, il Mediterraneo prende nomi diversi.

Partendo da est, si incontra il Mar Adriatico, che ha un bacino chiuso e poco esteso. È il meno profondo e salato dei mari italiani. Oltrepassando la punta estrema della Puglia si arriva poi sul Mar Tirreno tra le coste occidentali dell’Italia e la Sicilia, la Sardegna e la Corsica. Dal Mar Tirreno, attraverso le Bocche di Bonifacio, si arriva al Mar di Sardegna. Puntando poi a Nord, fra la Corsica e la Liguria, si incontra il Mar Ligure. Infine, all’estremo sud dell’Italia s’incontra il Mar di Sicilia, che si estende tra le coste meridionali dell’isola e l’Africa.

I mari italiani non sono ricchi di pesce. Fa eccezione l’Adriatico, che è infatti il mare più pescoso. La scarsa pescosità è dovuta a fattori naturali

Le lagune

Nei tratti di costa pianeggianti spesso si accumulano detriti, trasportati sia dai fiumi sia dalle forti mareggiate. Si formano così lingue di terra parallele alla costa: i lidi.

Il tratto di mare fra queste lingue di terra e la costa si chiama laguna. Famosissima è la Laguna Veneta, dove sorge Venezia.

Le coste

Le coste italiane sono lunghe oltre 7 000 chilometri e presentano una notevole varietà di aspetti.

Dove l’entroterra é pianeggiante, le coste sono basse e sabbiose, come in molti tratti del Mar Adriatico. Dove invece, le montagne arrivano a strapiombo sul mare, come nel Mar Ligure e nel Mar Tirreno, le coste sono alte e rocciose, con molte insenature, cioè piccole rientranze riparate, e golfi, cioè rientranze più ampie e aperte.

Lungo le coste, in luoghi ben riparati dalle mareggiate, sono stati costruiti i porti, dove le navi possono attraccare con facilitá e sicurezza.

Attorno ai porti si sono sviluppate grandi città: Genova, Livorno, Venezie, Trieste, Napoli, Palermo, Bari. Questi centri vivono delle attività legate al porto: i commerci e la lavorazione delle merci che arrivano via mare.

Il turismo balneare è l’attività principale che da’ lavoro ad un gran numero di persone.

Flora e fauna

Un elemento che accomuna tutto il paesaggio costiero è la macchia mediterranea formata da arbusti, come il mirto, la lavanda, il ginepro, il rosmarino.…, ambiente tipico della nostra penisola. In prossimità delle coste si trovano coltivazioni di ulivi e agrumi. Nelle acque del mare vivono tantissime specie di pesci, crostacei e molluschi, nonché alghe e piante acquatiche. Il cielo è popolato invece da gabbiani, aironi e fenicotteri.

Programma geografia quarta elementare

Scarica il file se vuoi ascoltare l’articolo.