I racconti d’avventura

 

I romanzi d’avventura, molto amati soprattutto tra i ragazzi, sono caratterizzati per la presenza di pericoli, sfide ed emozioni di vario tipo.

Generalmente il racconto d’avventura riguarda avvenimenti imprevisti e avvincenti che il lettore può vivere stando seduto in poltrona.

Alcuni racconti hanno delle caratteristiche comuni alla fiaba, ma a differenza di questa trattano di vicende realistiche, senza elementi magici quindi narrano di avvenimenti straordinarie ma che potrebbero accadere.

Il suo antenato illustre per eccellenza è l’Odissea, ma non da meno sono i poemi cavallereschi medievali.

Il primo romanzo d’avventura dell’età moderna è Robinson Crusoe (1719) di Daniel Defoe; ma dall’Ottocento furono i giornali popolari a pubblicare racconti d’avventura a puntate di eroi coraggiosi in cerca di un tesoro nascosto o che esplorano luoghi lontani…

Purtroppo oggi con internet e con il turismo di massa a causa del fatto che non ci sono più luoghi nuovi da esplorare, questo tipo di romanzi hanno avuto un calo di interesse; oggi l’avventura è più apprezzata al cinema.

   
 

Com’ è scritto un romanzo d’avventura

La storia di avventura è incentrata su di un viaggio che il protagonista, cioè l’eroe, compie verso luoghi sconosciuti. L’eroe quindi abbandona la sua situazione di tranquillità per viaggiare verso l’ignoto.

Il protagonista , di solito, è una persona buona,con doti morali o fisiche straordinarie; a volte può essere anche una persona comune senza alcuna caratteristica particolare.

L’eroe è ostacolato da un’antagonista che è un essere spietato, proprio l’opposto dell’eroe. Può capitare che il nemico non sia una persona ma una forza o un evento naturale come un terremoto, un incendio ecc.

Il protagonista può essere affiancato anche da un aiutante.

I luoghi del racconto sono spesso esotici, lontani e misteriosi; spesso sono anche luoghi colpiti da guerre, città di periferia ed altro.

Durante il racconto da una situazione iniziale normale e tranquilla, subentra la complicazione dovuta al nemico e quindi si susseguono una serie di azioni avvincenti e colpi di scena. Si passa da sequenze tranquille di dialogo a sequenze veloci e avvincenti.

Spesso quando il ritmo rallenta si passa a sequenze descrittive.

Nonostante le imprese difficili e a volte anche mortali che deve superare l’eroe, il racconto si conclude sempre con un lieto fine come nelle fiabe.

Il linguaggio usato è molto semplice ed è costituito da frasi brevi. Vengono usati molti aggettivi che stimolano l’immaginazione.

Le azioni sono caratterizzate dai verbi di movimento.

 

Vedi il programma d’italiano delle medie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi