Israele

 

Israele è uno dei paesi del Medio Oriente. Esso confina a est con la Giordania, a nord-est con la Giordania e la Siria, a sud con l’Egitto, a nord con il Libano e infine si affaccia a ovest sul mar Mediterraneo. E’ un paese molto piccolo, infatti le sue dimensioni sono anche inferiori a quelle della Sardegna. Il suo territorio è prevalentemente montuoso, infatti è composto da un altopiano a Nord , la Galilea ricco di vegetazione di tipo mediterraneo, a sud il territorio è formato da una zona montuosa e arida chiamata Giudea e dal deserto del Negev che si estende per più della metà del territorio israeliano esso è un deserto roccioso e sabbioso, inoltre a ovest vi è una pianura costiera.

Le coste hanno una vegetazione di tipo mediterraneo dove le precipitazioni sono soprattutto invernali, le zone interne sono semiaride e molto calde.

Le terre sono più fertili al nord grazie, anche se poche, alla presenza di precipitazioni, invece al sud le piogge sono quasi del tutto assenti quindi, per rendere fertili i campi, c’è bisogno di fertilizzanti chimici e irrigazione artificiale.

Il fiume più importante è il Giordano che sfocia nel Mar Morto che è un lago salato con una salinità sette volte superiore a quella del mare. Un lago di acqua dolce è il mare di Galilea detto anche lago di Tiberiade le cui acque sono molto pescose.

Le zone più abitate del paese sono quelle costiere dove il territorio è più fertile quindi in particolare il distretto di Tel Aviv e quello di Gerusalemme che è la capitale; un’altra città importante oltre  Tel Aviv- Giaffa è Haifa.

Ad Israele sono presenti due gruppi: gli ebrei e i palestinesi, i primi rappresentano la maggioranza, sono di religione ebraica e parlano l’ebraico moderno. Gli ebrei inoltre si dividono in ebrei ashkenaziti originari dell’Europa centro-orientale, ed ebrei sefarditi provenienti dal Mediterraneo occidentale e dal Nord Africa. La minoranza sono appunto i palestinesi che sono di religione musulmana ma di fede sannita e parlano l’arabo. Oltre a questi vi è una minoranza di cristiani, circa il 2%.

La popolazione è in crescita sia per l’arrivo di ebrei da varie parti del mondo, sia l’aumento dei palestinesi dovuto alla grande fertilità e alla riduzione della mortalità infantile.

Le lingue ufficiali sono l’ebreo e l’arabo.

 
 

Nonostante le condizioni climatiche non favorevoli l’economia è molto sviluppata. L’agricoltura è molto avanzata, inoltre sono sviluppati anche i kibbutz, cioè aziende agricole in cui le terre sono divise tra famiglie che hanno le attrezzature in comune, hanno rese molto basse però sono strutture chiuse e difendibili che permettono di avere un po’ di sicurezza nei momenti in cui sono alte le tensioni con i palestinesi. I principali prodotti coltivati sono cereali, cotone, ortaggi e agrumi.

Importante è anche l’allevamento dei bovini, di pollame ed ovini. Rispetto a molti paesi del Medio Oriente Israele è privo di giacimenti petroliferi, nonostante ciò ha un PIL abbastanza elevato.

L’industria è a livello dei paesi europei e si occupa soprattutto della produzione di software e microchip, ma è molto sviluppata anche l’industria aeronautica e militare ecc, Importante è anche la lavorazione dei diamanti.

Il settore terziario conta un sistema di comunicazioni terrestri, aeree, telefoniche ed informatiche tra i più avanzati del mondo. Molto sviluppate sono anche le attività bancarie e commerciali.

Il settore turistico è sviluppato soprattutto quello di tipo religioso, anche se risente delle minacce terroristiche.

Vedi La questione palestinese

 

Programma geografia terza media