L’apparato riproduttore maschile

 

L‘apparato riproduttore maschile ha il compito di produrre i gameti maschili, gli spermatozoi, di deporli nel corpo della donna e di produrre gli ormoni maschili.

Lo si può considerare formato da tre parti principali: le gonadi o testicoli, cioè gli organi in cui vengono prodotti gli spermatozoi; il vaso deferente, in cui transitano gli spermatozoi, e il pene che provvede ad espellerli, per poi poter raggiungere il gamete femminile.

I testicoli sono avvolti dallo scroto, cioè un sacco di pelle che li contiene e li protegge.Ogni testicolo è formato da un gran numero di sottili tubicini, tubuli seminiferi, che producono gli ormoni maschili, chiamati androgeni (come il testosterone, utile per la maturazione degli spermatozoi e per la comparsa dei caratteri sessuali secondari). Inoltre, all’interno dei testicolo vengono prodotti gli spermatozoi.

Lo spermatozoo è formato alla sua punta dall’ acrosoma che è un sistema di vescicole ripiene di enzimi che sono in grado di sciogliere le barriere protettive della cellula uovo e di permettere la fecondazione.

Poi c’è la testa che contiene il nucleo e i 23 cromosomi paterni, è la parte che penetra nella cellula uovo.

   
 

Poi troviamo il collo che è una parte intermedia che collega la testa con la coda; è ricco di mitocondri.

Infine, c’è la coda o flagello che è formata da un sistema di fibrille che contraendosi , permettono lo spostamento dello spermatozoo che così può nuotare nel liquido che lo circonda.

Una volta maturi gli spermatozoi raggiungono in una struttura di raccolta posta dietro i testicoli, l’epididimo. Qui terminano la loro maturazione e passano nei dotti deferenti, percorrendolo gli spermatozoi ricevono delle secrezioni liquide prodotte dalle vescicole seminali, dove vengono anche raccolti e nutriti. Procedono nei condotti eiaculatori, che si uniscono in un unico condotto, e raggiungono l’uretra (attraverso essa fuoriesce sia l’urina che lo sperma, ma mai contemporaneamente), che attraverso la prostata e il pene li porta all’esterno (eiaculazione).

 

lo spermatozoo

Il liquido espulso, chiamato sperma, è formato dagli spermatozoi maturi e dai liquidi secreti dalle vescicole seminali, prostata e da altre ghiandole. Esso durante l’accoppiamento può raggiungere e fecondare il gamete maschile, cioè la cellula uovo, all’interno dell’apparato riproduttore femminile.

 

Programma scienze delle medie