Apparato escretore

 

Funzionamento dell’apparato escretore

Il sangue attraverso le arterie renali arriva ai reni e al loro interno subisce un processo composto da due fasi: la filtrazione e il riassorbimento.

La filtrazione avviene nel glomerulo di Malpighi(ricco di nefroni)la pressione arteriosa elevata spinge fuori dai capillari le molecole di acqua e le molecole di piccole dimensioni come urea, acido urico, il glucosio, amminoacidi e sali, ma non grosse molecole come le proteine.

Il sangue filtrato e depurato torna nel circolo sanguigno.

Il riassorbimento è la fase in cui il liquido, prodotto dalla filtrazione del sangue operata dal glomerulo, si chiama filtrato glomerulare (non è ancora urina) e si raccoglie nella capsula di Bowman. Di qui passa al tubulo contorto, avvolto da capillari venosi, e giunge al dotto collettore. I capillari assorbono dal filtrato il 99% di acqua e le altre sostanze utili all’organismo e quindi riutilizzabili.

   
 

Alla fine nel tubulo contorto rimangono solo le sostanze da eliminare; in particolare l’urea, l’acido urico e l’ammoniaca, insieme ad altre sostanze che l’organismo deve eliminare perchè in eccesso, come per esempio il glucosio o i sali.

I tubuli collettori, che sono la continuazione dei tubuli contorti, riversano nelle pelvi renali ciò che rimane del filtrato glomerulare, che ora si chiama urina. Essa è formata soprattutto da acqua, all’interno della quale sono disciolti l’urea, l’ammoniaca, l’acido urico e altre sostanze di rifiuto.

Dalle pelvi renali l’urina passa nell’uretere per andare all’esterno.

 

Vedi programma di scienze delle medie